pd

pd

Articolo su Il Dubbio / “Ma Bobo Craxi che “c’azzecca” con MdP e Antonio Di Pietro?”

E’ una vicenda singolare quella che riguarda l’avvicinamento da un lato di Bobo Craxi, dall’altro di Di Pietro all’MdP. A quanto dichiarano gli interessati  l’operazione è ancora in fieri per cui per un verso bisogna ragionare con cautela, per altro verso però prenderla in parola perché l’intenzione parte di entrambi (separatamente) è stata espressa in modo esplicito. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “La nuova legge elettorale e il rischio di eterogenesi dei fini”

Per molti aspetti la situazione riguardante la legge elettorale presenta risvolti paradossali. La legge in discussione è stata proposta dal PD. Essa contiene una parte proporzionale nella quale ogni partito presenta la sua lista e una parte, invece, fondata su coalizioni per il voto nei collegi. Orbene allo stato attuale delle cose a non essere dotati di coalizioni sono sia il Movimento 5 Stelle, che non le vuole, sia il PD che non ne ha realizzata una anche perché i rapporti a sinistra, certamente con il MdP – non si sa bene con Pisapia e il Campo Progressista –  sono di rottura aperta. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Caro Enrico Costa, “torna a casa Lassie” è bello solo nei film, non in politica”

No, non sono d’accordo con Enrico Costa. Il dissenso del presidente Berlusconi all’inizio della legislatura non è stato un tradimento per difendere una poltrona, ma la presa di distanza da una deriva estremista presa pochi mesi dopo che il governo Letta era nato, proprio in seguito all’intuizione dello stesso Berlusconi. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Caro Rosato, lo ius soli è una buona legge ma la fretta ha creato un corto circuito nell’opinione pubblica”

Una premessa: il capogruppo del Pd alla Camera Rosato addebita ad Alternativa Popolare di aver cambiato posizione sullo Ius soli “per rendere più facile la caccia a quel 3% di voti che con la legge vigente li farebbe entrare in parlamento”. Le cose non sono andate esattamente così, ma comunque dove sarebbe il delitto? (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “È finita la spinta propulsiva di Renzi. Il centro-destra è profondamente diviso, centristi se ci siete battete un colpo!”

Quando si analizzano i risultati elettorali è elementare fare il raffronto con i risultati precedenti, altrimenti si dicono parole in libertà. È quello che hanno dimenticato di fare Renzi e Ricci quando, per motivare la tesi sul risultato “a macchie di leopardo” hanno dato il rendiconto complessivo sui 111 comuni superiori a 15mila abitanti andati al ballottaggio, dai quali risulterebbe una prevalenza del centro-sinistra.  (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Sullo jus soli e sul mini patto Ribbentrop-Molotov fra Renzi e Berlusconi per spartirsi le spoglie dei centristi”

Diversamente da quello che erutta il “Giornale” non c’è alcun opportunismo (“Alfano ci vende agli scafisti per salvare la poltrona”) nella scelta di cattolici e di laici di AP (su altri temi quali le unioni civili e il biotestamento i pochi laici di AP si sono differenziati) nel votare sì allo jus soli. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “In Italia non abbiamo Macron, ma Micron”

Quello che contestiamo non sono solo gli effetti (il tipo di legge elettorale) ma le cause, e cioè la forsennata accelerazione dei tempi delle elezioni posta in essere da Renzi che così punta alla liquidazione di un altro governo presieduto da un esponente del PD: ieri è toccato a Letta con un attacco frontale, oggi a Gentiloni in forme più oblique. (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Un Centro forte, solo così l’Italia potrà uscire dalla crisi”

Fortunatamente è risultato evidente a molti, se non a tutti, che era un errore tragico anticipare le elezioni a giugno perché esse avrebbero del tutto destabilizzato un quadro politico già colpito al cuore con il voto sul referendum del 4 dicembre, avrebbero avuto il senso di un parossistico tentativo di rivincita con il forte rischio di una “riperdita”, avrebbero dato la sensazione che sia il centro-destra sia il centro-sinistra erano del tutto allo sbando con le ovvie conseguenze di dare dell’ulteriore propellente al M5S. (altro…)