pd

pd

Articolo sull’Huffington Post / “Sullo jus soli e sul mini patto Ribbentrop-Molotov fra Renzi e Berlusconi per spartirsi le spoglie dei centristi”

Diversamente da quello che erutta il “Giornale” non c’è alcun opportunismo (“Alfano ci vende agli scafisti per salvare la poltrona”) nella scelta di cattolici e di laici di AP (su altri temi quali le unioni civili e il biotestamento i pochi laici di AP si sono differenziati) nel votare sì allo jus soli. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “In Italia non abbiamo Macron, ma Micron”

Quello che contestiamo non sono solo gli effetti (il tipo di legge elettorale) ma le cause, e cioè la forsennata accelerazione dei tempi delle elezioni posta in essere da Renzi che così punta alla liquidazione di un altro governo presieduto da un esponente del PD: ieri è toccato a Letta con un attacco frontale, oggi a Gentiloni in forme più oblique. (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Un Centro forte, solo così l’Italia potrà uscire dalla crisi”

Fortunatamente è risultato evidente a molti, se non a tutti, che era un errore tragico anticipare le elezioni a giugno perché esse avrebbero del tutto destabilizzato un quadro politico già colpito al cuore con il voto sul referendum del 4 dicembre, avrebbero avuto il senso di un parossistico tentativo di rivincita con il forte rischio di una “riperdita”, avrebbero dato la sensazione che sia il centro-destra sia il centro-sinistra erano del tutto allo sbando con le ovvie conseguenze di dare dell’ulteriore propellente al M5S. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Un nuovo centro non subalterno né al centro-destra né al centro-sinistra”

Pd-Nazareno-È inutile diplomatizzare le posizioni. Dopo l scissione del PD  il quadro politico è a rischio implosione in una situazione che invece richiede stabilità politica e un’azione di governo di stampo riformista su molti piani, dall’immigrazione, alla crescita, alla povertà, all’Europa. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Il Pd non è il Pcus”

Foto LaPresse 16-01-2014 Roma Cronaca Giornata nazionale di mobilitazione Usb contro il jobs act. Manifestazioni davanti alle sedi del Partito Democratico in tutte le maggiori città Italiane. Sede PD, Largo del Nazareno

La sentenza della Corte conferma quello che ha detto ripetutamente il Presidente della repubblica: dopo aver annullato i ballottaggi, aver confermato in una versione delimitata i capilista, la sentenza ha affermato l’esigenza della omogeneità dei sistemi elettorali che devono regolare l’elezione di Camera e Senato. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Dedicato a Orfini e a Rosato sulla legge elettorale, sul governo Gentiloni e sui tempi delle elezioni”

ConsultaChecché ne pensino il presidente Orfini e il presidente Rosato la questione della legge elettorale  e la stessa tematica sui tempi della fine della legislatura e sul ruolo del governo Gentiloni richiedono riflessioni più attente e approfondite di quelle assai sommarie che essi hanno sviluppato nelle loro più recenti interviste e dichiarazioni. (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “Renzi faccia una proposta seria, andare alle elezioni sarebbe una disfatta”

referendum-risultati-renziPer ciò che riguarda il merito del referendum l’alleanza fra i conservatori organici quali sono gli eredi della sinistra DC con gli eredi del PCI, i populisti della Lega e l’opportunismo tattico di Berlusconi,  gli eversivi protestatari del Movimento 5 stelle più gli alti burocrati dello stato  ha sconfitto una proposta innovativa di riforme costituzionali che non conteneva alcuna deriva autoritaria. (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Se il PD, impaurito da Trump, corre a chiedere protezione ai 5 stelle”

trumpLa triade globalizzazione-finanziarizzazione-deregolamentazione e poi le migrazioni e il terrorismo islamico stanno colpendo in modo assai profondo tutto l’Occidente, in primo luogo l’Europa, e adesso anche gli USA. Da molti punti di vista il retroterra del risultato delle elezioni americane discende da questi fenomeni. Trump ha vinto su una piattaforma la cui negatività non vogliamo adesso sottacere: l’isolazionismo, i forti elementi di razzismo, gli inquietanti rapporti con la Russia di Putin confermati dalle entusiaste reazioni in quel paese alla notizia della sua elezione, le battute devastanti sul futuro della Nato, un assoluto silenzio sulla politica estera con particolare riferimento sia al Medio Oriente sia all’Europa. (altro…)