pdl

pdl

Articolo su Il Dubbio / “Cari centristi, io dico che dobbiamo allearci di nuovo con il PD”

Non dimentichiamo come tutta questa vicenda politica è iniziata, cioè in seguito ai risultati elettorali del 2013 che segnarono la sconfitta del bipolarismo all’italiana: il PDL perse 6 milioni di voti, il PD 3, il M5 Stelle risultò il primo partito alla Camera con il 25%. Questo risultato era il frutto del fallimento degli ultimi governi di centro-sinistra e di centro-destra (quello di Prodi dal 2006 al 2008 e quello di Berlusconi dal 2008 al 2011), della catena di scandali che avevano colpito il PDL (le cene eleganti di Berlusconi, il caso Fiorito, l’arresto di Cosentino), il PD (Penati e poi il caso MpS), la Margherita (il caso Lusi), la Lega Nord (Bossi, Belsito). (altro…)

Articolo sull’Huffington Post / “La nuova legge elettorale e il rischio di eterogenesi dei fini”

Per molti aspetti la situazione riguardante la legge elettorale presenta risvolti paradossali. La legge in discussione è stata proposta dal PD. Essa contiene una parte proporzionale nella quale ogni partito presenta la sua lista e una parte, invece, fondata su coalizioni per il voto nei collegi. Orbene allo stato attuale delle cose a non essere dotati di coalizioni sono sia il Movimento 5 Stelle, che non le vuole, sia il PD che non ne ha realizzata una anche perché i rapporti a sinistra, certamente con il MdP – non si sa bene con Pisapia e il Campo Progressista –  sono di rottura aperta. (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Il re solo Il leader che ha resistito alla persecuzione giudiziaria”

Foto LaPresse FOTO DI REPERTORIO 28/04/2014 Berlusconi ai servizi sociali Foto Roberto Monaldo / LaPresse 11-02-2013 Roma Politica Trasmissione "Uno Mattina" Nella foto Silvio Berlusconi Photo Roberto Monaldo / LaPresse 11-02-2013 Rome (Italy) Tv program "Uno Mattina" In the photo Silvio Berlusconi

A Silvio Berlusconi va riconosciuto un merito straordinario. Nel 92-94 era stata operata in Italia una autentica operazione eversivo-rivoluzionaria: Tangentopoli era un sistema che coinvolgeva sia tutti i grandi gruppi industriali e finanziari (Cir e Fiat inclusi) e tutti i partiti, PCI compreso: (altro…)