riforme

riforme

Articolo sull’Huffington Post / “Caro Enrico Costa, “torna a casa Lassie” è bello solo nei film, non in politica”

No, non sono d’accordo con Enrico Costa. Il dissenso del presidente Berlusconi all’inizio della legislatura non è stato un tradimento per difendere una poltrona, ma la presa di distanza da una deriva estremista presa pochi mesi dopo che il governo Letta era nato, proprio in seguito all’intuizione dello stesso Berlusconi. (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Storia delle riforme e dei loro nemici da De Gasperi a Renzi, passando per il Cav”

costituzione-350x230Arturo Parisi ha definito il NO, che ha scelto il Residence Ripetta come la sua Sala della Pallacorda, “un’alleanza tra chi odia il premier e chi vuole solo tornare al passato”. Da parte nostra non riteniamo che sia giusto riproporre la famosa battuta di Marx, a proposito dei fatti storici che la prima volta si presentano come tragedia e la seconda volta come farsa, ma piuttosto bisogna rilevare che in questa occasione svolge un ruolo essenziale la “dialettica dei contrari”: (altro…)

Articolo su Il Dubbio / “Quagliariello, ma la riforma della Costituzione non l’avevi scritta proprio tu?”

CostituzioneNoi abbiamo una grande considerazione per il sen. Gaetano Quagliariello (che rimane un amico, malgrado i sopravvenuti dissensi politici) perché riesce sempre a motivare nel migliore dei modi possibili le sue scelte politiche anche se esse sono di segno opposto sullo stesso argomento. È il caso della legge di riforma costituzionale per la cui elaborazione il sen. Quagliariello ha svolto un ruolo assai importante spiegando poi in modo assai convincente la sua valutazione positiva. (altro…)

Intervista sull’Huffington Post / “Fabrizio Cicchitto sta con Matteo Renzi: «Sciogliamo Ncd. Lui è andato oltre Craxi e Berlusconi: ha ucciso i comunisti»”

fabrizio-cicchittoA un certo punto Fabrizio Cicchitto accenna il sorriso di chi la sa lunga: “La via d’uscita sulle unioni civili? Mi sembra che possa essere duplice: nel dibattito in Aula va sviluppato quel lavoro di confronto con l’elaborazione di emendamenti che non è stato fatto in commissione e poi si affermi il voto segreto e la libertà di coscienza, conoscendo la trasversalità delle posizioni sul merito”. Montecitorio, secondo piano. Fabrizio Cicchitto, ex capogruppo del Pdl nel fuoco della guerra frontale con le procure, ora Ncd, è presidente della commissione Esteri della Camera. La sua stanza è murata di libri. (altro…)